Connect with us

Hi, what are you looking for?

Geologia

Vichinghi, un passo di montagna sommerso dai ghiacci

Un ghiacciaio si è ritirato lasciando esposti una rotta commerciale usata dai Vichinghi 1000 anni fa e antichi manufatti.

La scoperta

La scoperta è stata pubblicata su “Antiquity”. Lo scioglimento di un ghiaccio in Norvegia ha resi possibile la scoperta di una rotta commerciale usata dai Vichinghi prima che la peste si diffondesse e prima della costruzione, ovviamente, di strade più larghe e agevoli. Il passo si chiama Lendbreen e si trova a 1900 metri d’altezza. Esso rappresentò un importante snodo per i traffici economici della Scandinavia.

Una veduta del passo Lendbreen

Un importante passaggio

Un indizio riguardante questo passo era già apparso nel 2011 quando, a causa di un’estate con temperature più alte del solito, aveva reso possibile, nella stessa zona, la scoperta di una tunica di lana di 1700 anni fa. Con il passare del tempo e delle temperature complici, sono stati scoperti centinaia di reperti. Le testimonianze dei viaggi sono tantissime: pezzi di slitte, ferri di cavallo, bastoni per aiutare la camminata, scarpe di pelle e guanti.
Una sessantina di questi sono stati analizzati dall’Università di Cambridge (UK) e dal NTNU University Museum in Norvegia. I reperti sono stati datati grazie all’ausilio del radiocarbonio. Le analisi hanno rivelato che il passo di importante crocevia durante l’Età del Ferro dei Romani, precisamente tra il 300 d.C. e il 1500 d.C., ma si crede che il periodo di maggior passaggio si sia avuto intorno all’anno 1000.

I Vichinghi

In quel periodo i Vichinghi stavano espandendo il loro dominio nella penisola Scandinava e in Europa con guerre e traffici commerciali. Per gli archeologi questo passo era molto importante per coloro che si spostavano tra le fattorie e gli alpeggi, ma era fondamentale anche per il trasporto di merci rare come pellame, burro e corna di animali.
I ghiacci e la neve rendevano più facile l’attraversamento del passo rispetto a vie collocate più in basso e con caratteristiche rocciose.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La pandemia di Peste

Dal secolo XI i reperti sono meno. Il passo venne a poco a poco abbandonato. Uno dei motivi più lampanti fu quello della Peste Nera. In Norvegia arrivò tra il 1348 e il 1349. Molte persone morirono e di conseguenza ci fu un declino della domandi dei prodotti di montagna. Quando l’Europa uscì dalla pandemia, ormai le rotte commerciali erano diverse e quelle antiche vennero abbandonate.

Nuovi indizi

Ecco che i ghiacci ci hanno restituito un altro tassello importante circa la vita e le abitudini dei Vichinghi, popolo di temuti conquistatori e navigatori. Che cosa ci porteranno a scoprire questi nuovi reperti? Che cos’altro si nasconde sotto i ghiacci? E quali sono i manufatti che per varie ragioni non troveremo mai? La storia dell’uomo, al contrario di ciò che si potrebbe pensare, è una “scienza in movimento” pronta ad accogliere sempre nuove ipotesi.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Scienza

Ecco un argomento che da sempre infiamma il dibattito scientifico e non solo. Siamo davvero soli in questo universo? Proviamo ad analizzare insieme alcuni...

Scienza

Scienza e religione sono da sempre considerate una agli antipodi dell’altra. La fede, per molto tempo, si è sentita minacciata dall’avanguardia della scienza e...

Geologia

Quando il calore del mantello gonfiò e fratturò la crosta terrestre primordiale, si crearono le placche. Queste hanno poi dato vita a terremoti e...

Ambiente

Il pesce Anoplogaster cornuta vive nelle acque più profonde del pianeta. Esso riesce ad assorbire tutta la luce circostante e il suo colore, più...

Advertisement