Connect with us

Hi, what are you looking for?

Scienza

Uccelli: un fossile e l’evoluzione dei dinosauri

È stato ritrovato il fossile di un cranio con caratteristiche incredibilmente simili a quelle degli odierni uccelli. La scoperta, infatti, ha portato alla luce il più antico uccello con caratteristiche anatomiche moderne.
Esso ci racconta dell’evoluzione dei dinosauri e dell’alba degli uccelli.

Il ritrovamento del fossile

Il fossile è stato ritrovato nei pressi di Maastricht, Paesi Bassi, e risale a 66,6-66,7 milioni di anni fa. È stato battezzato Asteriornis maastrichtensi : esso è il più antico fossile ritrovato a presentare le caratteristiche che contraddistinguono i moderni uccelli. Alcune delle sue peculiarità, infatti, sono ancora presenti negli attuali galliformi, ovvero quella famiglia che comprende polli e tacchini.

Un’immagine dell’Asteriornis maastrichtensi

L’importanza del reperto

Il fossile rappresenta una prova importante, ovvero che gli uccelli moderni sono emersi non più di un milione di anni del disastro risalente al Cretaceo-Paliocene. I dinosauri non sono sopravvissuti alla catastrofe, ma gli uccelli sì.
La scoperta fa dunque luce sugli albori dell’evoluzione primordiale del gruppo corona, ovvero l’insieme di tutte le specie di uccelli e di tutti i loro discendenti, fino a giungere a un antico antenati.

Le caratteristiche dell’ Asteriornis maastrichtensi

Dalle osservazioni effettuate sul ritrovamento, gli studiosi pensano che l’uccello non pesasse più di 400 grammi. Le sue dimensioni e i reperti marini della zona fanno pensare che l’Asteriornis maastrichtensi vivesse sulla terraferma e lungo le rive del mare. Anatomicamente parlando esso poteva avere caratteristiche simili a quelle degli uccelli acquatici e dei galliforni, soprattutto circa il becco.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La dichiarazione di John Jagt

John Jagt, ricercatore del museo naturale di Maastricht ha dichiarato:
“I reperti fossili del tardo Cretaceo di uccelli provenienti dall’Europa sono estremamente scarsi. La scoperta di Asteriornis fornisce alcune delle prime prove che quella europea è stata un’area cruciale nella storia evolutiva degli uccelli moderni”.

Conclusioni

Ovviamente, come afferma Kevin Pasian dell’Università della California, la scoperta necessità ancora di uniformità e chiarimenti. Le analisi condotte sulle mutazioni del DNA evidenziano che il gruppo corona sia potuto nascere tra i 139 e gli 89 milioni di anni fa.

Ancora scoperte

Che o dinosauri fossero gli antichi discendenti degli uccelli si sapeva già da diversi anni, ma questo ritrovamento ci aiuta ad avvicinarci ancora di più alle risposte definitive circa l’evoluzione degli uccelli. Siamo destinati, però, a conoscere ogni singolo particolare o come per moltissime altri studi circa le evoluzioni rimarranno dei punti oscuri?

Advertisement. Scroll to continue reading.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Scienza

Ecco un argomento che da sempre infiamma il dibattito scientifico e non solo. Siamo davvero soli in questo universo? Proviamo ad analizzare insieme alcuni...

Scienza

Scienza e religione sono da sempre considerate una agli antipodi dell’altra. La fede, per molto tempo, si è sentita minacciata dall’avanguardia della scienza e...

Geologia

Quando il calore del mantello gonfiò e fratturò la crosta terrestre primordiale, si crearono le placche. Queste hanno poi dato vita a terremoti e...

Ambiente

Il pesce Anoplogaster cornuta vive nelle acque più profonde del pianeta. Esso riesce ad assorbire tutta la luce circostante e il suo colore, più...

Advertisement