Connect with us

Hi, what are you looking for?

Geologia

Terra piatta: perché la gente ci crede?

Da diversi anni un nuovo movimento ha cominciato a diffondere idee di complotto circa un argomento che, ormai, si considerava privo di “sorprese”. I terrapiattisti, infatti, come suggerito dal nome, credono nella Terra piatta e sono convinti che tutte le immagini che ci vengono fornite dallo spazio, che le formule fisiche e che la geografia siano parte di un immenso teatrino messo a punto dai poteri forti al fine di precluderci qualche verità nascosta. Come mai questi dubbi? Che cosa spinge queste persone a credere nella Terra piatta e quali sono le loro teorie? Analizziamo insieme alcune convinzioni che spingono certe persone ad affermare con certezza che la Terra sia piatta.

La Terra è ellittica: alcune considerazioni preliminari

L’idea di una terra sferica nasce già con Pitagora che, osservando la Luna e la linea che la divide in parte illuminata e parte scura, il “terminator” (terminatore), intuì che anche la Terra dovesse avere una forma simile. Successivamente anche Aristotele confermò le intuizioni di Pitagora. Il primo uomo a misurare la circonferenza del globo (e con incredibile esattezza) fu Erastotane. Il 20 settembre 1519 Ferdinando Magellano iniziò il suo viaggio di circumnavigazione del globo, dimostrando una volta per tutte che la Terra è sferica (o per meglio dire ellittica). Foto e dati ci sono stati poi forniti con l’avvento delle esplorazioni spaziali.

Ecco come si presenta la Terra piatta

Secondo i sostenitori della teoria della Terra piatta il mondo si presenta come una superficie piatta in cui l’Artide si torva al centro del globo e l’Antartide ne costituisce i confini, costituiti da muri di ghiaccio alti decine di metri, oltre il quale si trovano terre inesplorate.
Ecco dunque anche spiegato il fenomeno che evita agli oceani di “cadere”. A protezione del bordo ci sono i “guardiani”, dipendenti della NASA che impediscono l’avvicinamento alla barriera e prevenendo dunque l’arrampicata e la caduta dei curiosi dalla Terra. Sole e Luna si trovano proprio sopra la di noi. A coprire la Terra piatta c’è una cupola trasparente che ci permette di vedere il cielo e dentro la quale sono collocati i due astri.

La gravità non esiste

In realtà. Per gravità si intende una forza di attrazione che esiste tra due masse. Una mela, ad esempio, cade dall’albero verso il suolo a causa della forza di gravità che attira tutti i corpi al centro della Terra.
Se la gravità non esistesse, la condizione sulla Terra sarebbe simile a quella che vivono gli astronauti nelle navicelle spaziali: tutto fluttuerebbe.
Ecco spiegato il fatto che quando ci troviamo nella parte “capovolta” del globo, non cadiamo dalla superficie terrestre, poiché la gravità trattiene noi…e i mari.
La luna a sua volta esercita una forza di attrazione gravitazionale che è responsabile, ad esempio, delle maree.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Secondo i terrapiattisti. Per i sostenitori della Terra piatta è meglio definire la gravità “accelerazione universale” o “energia scura”. La Terra, dunque, accelera verso l’alto con un moto costante e all’accelerazione pari a 1g, ovvero 9,8 m al secondo quadrato, ed è questo che ci tiene attaccati alla Terra.

La Terra è piatta perché si può vedere “oltre la curva”

In realtà. Si può verificare autonomamente che una nave, allontanatasi dalla riva e diretta verso il mare aperto, scompaia dalla nostra vista. Secondo i terrapiattisti, invece, una delle prove lampanti della terra piatta consisterebbe nel fatto che, in alcune condizioni, sia possibile osservare oggetti che dovrebbero trovarsi oltre la curvatura terrestre. Per una persona alta circa 1,70 m (senza tenere conto della rifrazione), in piedi sulla terra, un oggetto è visibile all’orizzonte fino ad una distanza di 4,7 km. Ovviamente questa distanza varia a seconda di quanto una persona si colloca in alto e più si troverà in una zona sopraelevata, maggiore sarà la distanza a cui potrà vedere. Capita però che si possa vedere oltre la curva dell’orizzonte. Come mai? La spiegazione è la rifrazione, ovvero la deviazione subita da un’onda che passa attraverso due mezzi otticamente differenti. La rifrazione atmosferica, causata dalla luce che attraversa l’aria a diverse densità e influenzata dal fattore temperatura, fa risultare la distanza reale dell’orizzonte maggiore rispetto a quella calcolata geometricamente, permettendo dunque che questo fenomeno “insolito” si verifichi.

Secondo i terrapiattisti. Tra le convinzioni dei sostenitori della Terra piatta c’è quella che, in certe condizioni di luce, si possa vedere oltre la curvatura terrestre. Questa quindi consisterebbe in una delle prove più schiaccianti riguardanti la Terra piatta.

Advertisement. Scroll to continue reading.

I giorni, le stagioni e le eclissi di Luna

In realtà. La Terra ruota su se stessa impiegando un tempo di 24 h, ovvero 1 giorno solare. Nella parte illuminata dal Sole è giorno, mentre in quella oscurata dalla Luna è notte.
La Terra, inoltre, compie anche un moto di rivoluzione oltre alla sua stella, il Sole, e un giro completo dura 365 giorni (5 h e 48 minuti circa), ovvero 1 anno.
L’asse del globo è inclinato all’incirca di 23 gradi e ciò influenza il modo in cui i raggi solari colpiscono il nostro pianeta. Il momento in cui la Terra è più vicina al Sole si chiama perielio; nell’emisfero boreale, quello nord, si assiste all’inverno e in quello australe, a sud, all’estate. Il momento in cui il nostro Pianeta è più distante dalla stella si chiama afelio e nell’emisfero boreale si assiste all’estate e in quello australe all’inverno. Tutto ciò dunque a causa della direzione di inclinazione dell’asse terrestre e di come i raggi del Sole la raggiungono in zone diverse.

Un’immagine che riproduce il perielio e l’afelio e le loro conseguenze sul nostro emisfero, il boreale

Le eclissi di Luna si determinano quando il satellite, il Sole e la Terra sono allineati tra loro.
L’eclissi di Luna avviene quando la Terra la oscura con il suo cono di ombra o penombra, impedendo ai raggi solari di raggiungerla direttamente. Il fenomeno si verifica sempre durante il plenilunio (luna piena) e per poche volte l’anno. L’eclissi di Luna può essere totale, quando cioè essa si trova esattamente sulla traiettoria del cono d’ombra creato dalla Terra, oppure parziale, ovvero quando viene oscurata dal cono d’ombra solo parzialmente.

Secondo i terrapiattisti. Il Sole e la Luna si trovano sopra il nostro Pianeta e girano intorno al polo nord. Quando il Sole è sopra di noi è giorno, altrimenti è notte. Le stagioni sono determinate dalla posizione in cui si trova il Sole e le orbite che determinano stagioni sono 3: la più interna determina l’estate, la mediana comporta l’autunno e la più esterna determina l’inverno.
L’eclissi di Luna avviene solo un paio di volte l’anno quando un satellite del Sole, passando tra esso e la Luna, la oscura. L’eclissi quindi non è causata dalla posizione della Terra ma da un “Shadow Object”, ovvero un satellite del Sole a noi non visibile in quanto troppo vicino ad esso che si frappone tra la Luna e il Sole.

Non è possibile effettuare un giro intorno al mondo

In realtà. Se volessimo compire il giro del mondo in aereo, ed esempio, sarebbe sufficiente compiere un tragitto in linea retta e ci ritroveremmo al punto di partenza.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Secondo i terrapiattisti. Se si compie un viaggio, sempre ipoteticamente in aereo, ad un certo punto la nostra traiettoria giungerebbe ad una fine e l’oggetto scomparirebbe oltre il possente muro di ghiaccio, facendo ricomparire l’oggetto dalla parte opposta. Questo è chiamato “effetto Pac-man” poiché proprio come nel famoso videogioco, quando si giunge alla fine del bordo e lo si supera, ci si ritrova alla stessa altezza ma dalla parte opposta.

L’Australia…non esiste

In realtà. L’Australia è una nazione facente parte del continente denominato Oceania e si trova nell’emisfero australe del nostro Pianeta. L’Australia è abitata da circa 24 milioni di persone e presenta una biodiversità talmente variegata da essere protetta. Qui si trovano, fra i tanti, animali come il diavolo della Tasmania, il koala, l’echidna e il dingo.

Secondo i terrapiattisti. Dal 2018 una nuova teoria ha cominciato a farsi strada tra i sostenitori della Terra piatta. L’Australia semplicemente non esiste. Essa è una finzione creata dal governo britannico al fine di nascondere uccisioni di massa di criminali, avvenute in mare, che in realtà venivano deportati quando la nazione era sotto il dominio britannico. Gli australiani sono solo robot e attori pagati dalla NASA e chi è convinto di vivere su questa terra si sbaglia perché in realtà si trova sulle isole vicine o in Sud America. Ecco il link del post pubblicato dalla UNSW Flath Earth Society.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La NASA ci inganna

In realtà. La NASA è l’agenzia governativa civile responsabile del programma spaziale e della ricerca aerospaziale degli Stati Uniti d’America. Con le sue missioni alla scoperta di nuovi mondi e dedita allo studio del nostro universo, la NASA ci fornisce dati e ipotesi curiosi riguardanti il nostro bellissimo e immenso Universo.

Secondo i terrapiattisti. La NASA è una agenzia dedita alla cospirazione e all’insabbiamento di alcune eclatanti verità. Gli astronauti non sono mai andati nello spazio e le foto fornite circa lo stato della Terra sono dei clamorosi montaggi.

I motivi della diffidenza

Che cosa spinge un numero sempre maggiore di persone a credere a teorie tanto folli e prive di ogni studio o esperimento?
Molti studiosi si sono chiesti perché sempre più persone reputino valide certe teorie assurde e prive di concrete spiegazioni. Una delle conclusioni più attendibili ritiene che questa discutibile paura del complotto terrestre derivi dal fatto che ormai molte persone non abbiano più fiducia nei governi, nei potenti che nel progresso scientifico. Questi individui sono convinti che non ci siano degli studi che possano essere assimilati passivamente come specchio della realtà in quanto credono che l’intera comunità scientifica principalmente, ma non solo, sia intenzionata a mentirci su tutto.
Queste persone, quindi, preferiscono credere a ciò che letteralmente vedono e che possono constatare, ipotizzare e spiegare personalmente. In questi gruppi ristretti di cospirazionisti essi si sentono unici, speciali, compresi e accettati. Questi complottisti non accettano che le loro teorie vengano messe in discussione e cercano sempre nuove spiegazioni per dimostrare la validità delle loro convinzioni.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Come mai tanto scetticismo?

Ricordiamo che per dimostrare alcuni dei concetti fondanti della cultura moderna, alcuni studiosi hanno addirittura rischiato la vita come ad esempio Galileo Galilei. Come mai ai giorni nostri sembra essere tornati indietro nel tempo? Certo, il mondo non è un posto propriamente libero e gli interessi che si ricaverebbero da bugie e insabbiamenti di fatti più o meno gravi potrebbero rivelarsi molto vantaggiosi per alcune persone. Spiegata la vicenda legata alla Terra piatta, sorgono spontanee alcune domande che necessiterebbero di spiegazioni da parte dei sostenitori di queste teorie:
– Perché mentire sulla forma della Terra?
– Che tornaconto avrebbero la scienza e poteri forti nel raccontare queste particolari bugie?
– Quale sarebbero i veri motivi di raccontare una realtà così tanto distorta?
– Perché mentire, ad esempio, sulla reale collocazione di Sole e Luna o inventarsi una nazione che non esiste? – Perché i sostenitori della Terra piatta non hanno delle prove schiaccianti circa le loro pesanti insinuazioni e non controbattono mai in maniera univoca e convincente agli studi secolari della scienza?

Mettere in discussione le proprie conoscenze e la storia dell’uomo è sempre lecito, ma qui si tratta di voler distruggere le basi della cultura umana e di dubitare di alcune delle più grandi scoperte e teorie scientifiche elaborate durante la nostra incredibile storia.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Innovazione

In occasione del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne, chiudiamo la nostra settimana con un articolo dedicato ad alcune figure femminili che...

Scienza

Dopo le figure di Nazca, ecco un altro mistero curioso: quello dei Moai dell’isola di Pasqua. Dopo le figure di Nazca, ecco un altro...

Innovazione

E se vi dicessi che alcune persone spendono milioni di dollari per farsi ibernare? La crionica sembra una nuova frontiera del futuro e le...

Salute

I pericoli di internet sono tantissimi. Pratiche “fai da te” e modelli sbagliati rischiano di compromettere per sempre la nostra salute. Pericoli di internet:...

Advertisement