0
https://open.spotify.com/episode/5vKAxVvPc309snd1WOkb7F?si=nbZIm59OSeWERCsf_T930A

Probabilmente vi starete chiedendo se sono impazzito. Forse, ma in realtà quello di cui sto per parlarvi è un’idea tanto semplice quanto geniale. Si tratta di un gioco chiamato LineTime.

Il nome è già molto esplicativo. Si tratta di una app dove lo scopo è quello di riordinare una serie di eventi in ordine cronologico. Sembra la classica app di gioco che viene sponsorizzata nella pubblicità di app free che ti invitano a scaricarne altre per evitarti di pagare quella che stai usando.

Ma non è così. Questa app ha già visto 3,5 milioni di partite giocate e la sua utilità è molto specifica: combattere l’Alzheimer.

LineTime sfida il tuo cervello

LineTime è stata lanciata da un startup torinese, Garycom SRL, che sviluppa e pubblica app per smartphone con finalità educative.

In pratica questa app aiuterà i malati di Alzheimer ad allenare la mente, per tenerla bella attiva contribuendo a conservare ricordi. Un bene molto prezioso per le persone affette da questa malattia. Grazie a sfide quotidiane che verranno registrare per creare una sequenza di ricordi ripercorribili dal mal malato, LineTime stimolerà il cervello del malato allenandolo a ricordare.

I numeri sono impressionanti

Purtroppo l’Italia è il terzo paese al mondo per numero di persone affette da una qualche forma di demenza. Ci sono 1,4 milioni di casi totali di cui 600.000 proprio di Alzheimer. Con questi numeri è fondamentale che ci sia qualcuno che sviluppi sistemi per contrastare questa malattia. E sicuramente la app di Garycom può essere utile in molti modi. Fosse solo anche per sensibilizzare sul tema.

Questo è sicuramente un modo utile per applicare la tecnologia ad un problema drammatico e che si sta diffondendo sempre più.

È grazie a idee come questa che la tecnologia può essere utile sfruttando uno strumento oramai iper presente nelle nostre vite: le app.

In questo podcast parleremo di LineTime e del valore della ricerca tecnologica in ambito medico.

Angelo Tropeano
Sono bravo con le parole ma spesso non ne trovo. Cinico e sarcastico ma non per colpa mia.

Storia, scienza e leggende con Matteo Rubboli

Previous article

Il Cashback di stato è partito e registra le prime transazioni

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Tech