Connect with us

Hi, what are you looking for?

Scienza

L’estinzione dei dinosauri: fu colpa di un asteroide

Dopo moltissime ricerche, una domanda aveva continuato ad attanagliare gli studiosi: l’estinzione dei dinosauri avvenne davvero a causa di un asteroide? Sì. L’asteroide di Chicxulub produsse un effetto devastante che portò all’estinzione di queste enormi creature che ancora oggi continuano ad affascinarci.

Il meteorite di Chicxulub

Il meteorite, causa di una delle più grandi estinzioni dalla storia, cadde circa 66 milioni di anni fa in una zona situata tra il Messico e l’oceano Atlantico. L’impatto diede origine al cratere di Chicxulub. L’enorme oggetto non solo determinò la definitiva caduta dei dinosauri, ma fu anche responsabile dell’estinzione di circa il 75% delle specie viventi.

Advertisement. Scroll to continue reading.

L’estinzione dei dinosauri: le diverse teorie

Fino ad oggi, erano state tre le teorie più plausibili riguardanti la scomparsa dei dinosauri:

teoria 1: che la causa dell’estinzione fosse da attribuire esclusivamente ad un meteorite

teoria 2: che l’asteroide avesse assestato il colpo definitivo nei confronti delle specie già compromesse dalle continue e interminabili eruzioni vulcaniche

Advertisement. Scroll to continue reading.

teoria 3: che la causa principale fossero state le eruzioni vulcaniche e l’impatto del meteorite fosse solo un evento di marginale importanza

Le conseguenze dell’impatto dall’asteroide

Fu proprio l’asteroide di Chicxulub la causa dell’estinzione dei giganti che noi tutti bene conosciamo. Esso, infatti, produsse improvvisi cambiamenti ambientali e le nuove condizioni createsi furono troppo ardue e non permisero ai dinosauri di adattarsi. L’impatto dell’asteroide, oltre ad offuscare la luce solare, causò un repentino e devastante aumento dell’acidità degli oceani. Sono stati i resti di piccole alghe calcaree a fornire importanti indizi sulla spropositata quantità di sostanze acide.

Le certezze sul ruolo centrale dell’impatto dell’asteroide

Un recente studio coordinato da Michael Henehan del dipartimento “Geology e Geographycs della Yale University”, U.S.A., sostiene che sia proprio la prima teoria quella esatta. Egli sostiene che 66 milioni di anni fa vi fu un grande deterioramento delle condizioni ambientali, mentre, al contrario, non esistono prive che ciò già avvenisse prima dello schianto dall’asteroide di Chixculub.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La ricerca ha infatti rivelato un alto tasso di isotopi di boro nei gusci fossilizzati di plancton. Dopo l’impatto, infatti, si sarebbe verificato un innalzamento delle temperature oceaniche, evento che non aveva precedenti. Lo studio effettuato dal team di ricerca è stato possibile analizzando fossili ottenuti mediante carotaggi di rocce risalenti a quel dato periodo.

Dopo l’impatto, il livello di acidità degli oceani si innalzò talmente tanto che gli organismi provvisti di gusci (composti da carbonato di calcio) non riuscirono a sopravvivere poiché i loro carapaci vennero sciolti dalle sostanze acide presenti nell’acqua. Questa situazione durò diverse migliaia di anni prima che questi piccoli ma fondamentali organismi riprendessero a diffondersi di nuovo e ci volle molto tempo prima che i livelli di carbonio si ristabilissero.

La prova definitiva

La “prova regina” è stata trovata nei Paesi Bassi durante degli scavi. Qui gli studiosi hanno ritrovato uno strato molto spesso di roccia in una grotta databile tra il Cretaceo e Paleocene risalente alla caduta del meteorite o al massimo a poco tempo dopo. Nella grotta è presente uno strato di argilla formatosi in seguito all’impatto e la quantità di sedimenti ha permesso di ricostruire nel dettaglio e con certezza ciò che è avvenuto in quel preciso periodo.

Advertisement. Scroll to continue reading.

I dinosauri: un fascino senza tempo

La storia è costellata di eventi e di argomenti, ma alcuni di essi ci appassionano e ci coinvolgono maggiormente. I dinosauri ne sono un esempio lampante. Tutti siamo rimasti affascinati da questi giganti, dalla loro aggressività, dalla loro mole e dalle loro peculiarità. Nonostante si sia trovata con certezza la causa della loro estinzione, credo che le ricerche e le teorie su di loro e sul mondo che li circondava non avranno mai fine. Alcuni argomenti fanno parte di noi e curiosare e continuare a porsi domande e a proporre soluzioni ci permette di mantenere viva l’attenzione e giungere a conoscenze sempre più profonde più dettagliate.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Ambiente

100 milioni di anni fa il luogo più pericoloso della Terra era il Sahara, in quanto pianura fertile e habitat di predatori pericolosi. Qual...

Scienza

È stato ritrovato il fossile di un cranio con caratteristiche incredibilmente simili a quelle degli odierni uccelli. La scoperta, infatti, ha portato alla luce...

Scienza

Nuovi studi effettuati sulle uova di alcune specie di dinosauro suggeriscono che forse i discendenti degli uccelli erano anch’essi animali a sangue caldo. Animali...

Advertisement