Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Le Lavoratrici sono le più penalizzate dal Coronavirus

lavoratrici

Come al solito le lavoratrici sono sempre le prime a essere penalizzate. Che sia perché sono mamme, o semplicemente perché hanno la “colpa” di essere donne, il mondo del lavoro è sempre ingiusto nei loro confronti.

E ovviamente con una pandemia in corso la loro posizione non poteva che peggiorare. Sembra che qualunque condizione economica, sociale o politica sia una buona occasione per infierire sulle quote femminili.

Detesto il termine “quote rosa”. Dove sta scritto che il colore delle donne è il rosa. Questi retaggi medievali li lascio a persone che ancora credono vedono le donne con la gonna a sotto il ginocchio alle prese con padelle e fornelli.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Ma non divaghiamo. Dicevamo, il lavoro femminile è sempre quello più screditato e purtroppo la pandemia ha dato un’ulteriore selciata alle lavoratrici.

I dati sulle lavoratrici parlano

No, questo non è un manifesto femminista. Primo perché non credo che ci sia bisogno di un termine per definire un orgoglio femminile, due perché i dati sono nero su bianco.

Secondo un dossier della Fondazione studi dei consulenti del lavoro tra il secondo trimestre 2019 e lo stesso periodo di quest’anno il virus ha fatto sfumare 470.000 posti di lavoro.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Tradotto: su 100 impieghi persi in un anno, quelli femminili sono il 55,9% del totale.

E indovinate perché? perché in questo paese la donna solitamente guadagna meno dell’uomo e se si deve sacrificare uno della coppia, per stare con i figli o per necessità economiche, ovviamente la donna è la candidata prediletta.

Non è un pese per donne

Addirittura nell’ultimo anno sembra che siano aumentate le donne che addirittura hanno smesso di cercare lavoro. parliamo di ben 707.000 donne inattive. Un bel +8,5% rispetto al 2019. E la cosa peggiore che questo dato riguarda soprattutto la fascia delle giovani donne. 

Advertisement. Scroll to continue reading.

In questo podcast analizzeremo questo fenomeno e vedremo i motivi per cui la pandemia ha peggiorato ulteriormente questo fenomeno.

Written By

Da oltre dieci anni mi occupo di editoria. Quando scrivo perdo la percezione del tempo, esattamente come quando viaggio.

Comments

You May Also Like

Innovazione

In occasione del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne, chiudiamo la nostra settimana con un articolo dedicato ad alcune figure femminili che...

Tech

Oramai la disinformazione è uno dei nuovi mali di questo secolo. Le fake news e le informazioni manipolate sono all’ordine del giorno. Tutti noi...

Tech

Non è ne un blackout ne un problema di rete. Tre milioni e mezzo di famiglie non dispongono di collegamento ad internet. Non per...

Economia

Lavoratori unitevi! Questa era l’essenza dello slogan del Manifesto del Partito Comunista. Incitava i membri della classe operaia di tutto il mondo a combattere il capitalismo per vincere...

Advertisement