0
https://open.spotify.com/episode/7FAP3mKqHJzYyMpsWRcgu7?si=vHj_poxPQAabUoOAI15C2Q

Voi credete alle maledizioni? La “maledizione di Tutankhamon” affascina da quando venne scoperto l’inestimabile tesoro del faraone. Affrontiamo un viaggio tra realtà ed esoterismo.

La scoperta della tomba di Tutankhamon

ll 4 novembre del 1922 un team di ricerca guidato da Howard Carter ha scoperto un tesoro inestimabile: la tomba del “faraone bambino” Tutankhamon. Dal momento della scoperta, si sono succeduti strani fatti e coincidenze che hanno portato alla morte tutti coloro che scoprirono la tomba. Ecco che ha avuto inizio la leggenda della “maledizione di Tutankhamon“.

Alcune teorie scientifiche affermano che nel sarcofago si fossero accumulati dei gas tossici, ma se ci fosse dell’altro?

Le Maledizioni

Le maledizioni sono un’usanza antichissima di diversi popoli. La pratica delle maledizioni prevede di incanalare energia negativa nei confronti di qualcuno. E perché non considerare almeno l’idea che la famiglia del sovrano abbia voluto tutelare il faraone?

Le maledizioni sono pratiche presenti in moltissime culture e la loro esistenza è attestata già nell’antichità. Esse fanno parte di un’ampia cultura e perché non potrebbe essere possibile che una maledizione di morte e sventura sia stata attuata e che a distanza di secoli abbia portato i suoi frutti?

Non possiamo spiegarci tutto

In fondo, torniamo allo stesso punto: abbiamo delle prove che questo sia possibile o meno? E la risposta è sempre no. Noi non abbiamo la certezza di nulla.

Monica Giulia Cantù
Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

AIDS: l’HIV è un virus creato dall’uomo?

Previous article

Parlare del 5G è più pericoloso del 5G stesso

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Scienza