Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Italia paese di lavoratori sovraistruiti

sovraqualificati

Nel 2019 erano poco meno del 25 per cento del totale degli occupati e il numero è in costante aumento. Negli ultimi 10 anni sono cresciuti di quasi il 30 per cento. Non stiamo parlando delle vendite di un prodotto o servizio bensì dei lavoratori sovraistruiti.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Persone, lavoratori che svolgono una professione per la quale il titolo di studio maggiormente richiesto è inferiore a quello posseduto. 

Questi sono i dati emersi dall’ufficio studi della CGIA (Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre).

“Il clima di sconforto che si viene a creare può innescare delle situazioni di malessere che diffondendosi tra i colleghi può addirittura interessare interi settori o reparti produttivi, con ricadute molto negative per la vita dell’azienda” coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo

Ma nonostante questo problema sembra che il nostro Paese continua ad essere tra i meno scolarizzati d’Europa. Oltre a ciò si va ad aggiungere anche il dato allarmante degli abbandoni scolastici. Infatti nel 2019 l’abbandono scolastico è stato del 13,5 per cento ovvero 561 mila giovani.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Insomma un paradosso.

Le cause che determinano l’abbandono scolastico sono:

  • culturali,
  • sociali,
  • economiche.

Purtroppo i ragazzi che provengono da ambienti socialmente svantaggiati e da famiglie con uno basso livello di istruzione hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola. E pare che in queste condizioni siano in troppi per un paese che si definisce “civile”.

Siamo l’esercito dei sovraistruiti

Dai dati emersi sembra che la zona d’Italia più investita dal problema dei lavoratori sovraistruiti siano le regioni del centro. Per la precisione l’Umbria.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Nel 2019 registrava il 33% dei sovraistruiti sul totale degli occupati. A seguire abbiamo:

  • Abruzzo 30,3%,
  • Basilicata 29,4%
  • Molise 27,8%
  • Lazio 27,2%

Parliamo di moltissimi lavoratori che ogni giorno sono costretti a svendere la propria conoscenza per un lavoro poco gratificante che inesorabilmente li porterà o alla fuga o alla depressione.

La domanda non coincide con l’offerta e ne fanno le spese i lavoratori e le aziende. E quindi l’economia.

In questo podcast parleremo di questo fenomeno, delle cause e degli effetti di questo problema troppo spesso sottovalutato.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Written By

Da oltre dieci anni mi occupo di editoria. Quando scrivo perdo la percezione del tempo, esattamente come quando viaggio.

Comments

You May Also Like

Economia

Il lavoro è sicuramente uno dei nodi cardini da sciogliere in Italia. La pandemia ha accelerato un processo di precarietà che si era già...

Tech

La pandemia ci ha costretti a un lungo periodo di immobilità. Ma le attività lavorative non potevano permettersi certo di fermarsi. Ecco che alcune...

Economia

Piccole e medie imprese italiane stanno vivendo un periodo di grandi incertezze. Quale scenario si prospetta per il prossimo futuro? All’indomani dell’emergenza da Covid-19,...

Economia

AirItaly è in liquidazione. Gli azionisti della compagnia, ossia Alisarda (51%) e Qatar Airways (49%) attraverso AQA Holding, l’11 Febbraio hanno comunicato che a...

Advertisement