0

Internet of Things è un termine che viene utilizzato moltissimo in questi anni per descrivere funzioni degli oggetti grazie allo scambio dati, ma sappiamo davvero di cosa parliamo?

Internet of Things, IOT o anche Internet delle Cose. Modi diversi per dire la stessa cosa. Per tanti, troppi purtroppo, questo termine è sconosciuto oppure lo hanno sentito dire in TV da qualche personaggio ma nessuno ha mai spiegato il vero significato.

Spesso ci capita di usare un termine perché lo sentiamo e lo ripetiamo a pappagallo solo per fare dimostrare di non essere ignoranti in materia, di essere al passo coi tempi. Talmente al passo coi tempi che poi non sappiamo cambiare uno sfondo al PC.

Mi capita spesso di scrivere di argomenti dove sono inclusi dei termini che do per scontati. Ma mi sono accorto che in effetti dare per scontate delle informazioni mi mette alla stessa stregua di quelli che parlano in politichese oppure che usano inglesismi per darsi un tono.

Ecco perché ho deciso di dedicare un momento per spiegare dei concetti utili e fondamentali e che sembrano apparentemente complessi. Forse lo sembrano perché non si fa abbastanza divulgazione di temi fondamentali per comprendere ciò che accade intorno a noi.

Internet of Things e sicurezza
Tutto può essere collegato ad Internet e creare una mappa

Cosa vuol dire Internet of Things

La traduzione è internet delle cose. È un termine che è stato coniato recentemente, se il 1982 è da considerarsi recente. Essendo dell’83 mi piace pensarlo.

In quegli anni si è cominciato già a pensare ad Internet come uno strumento che non fosse solo a disposizione delle persone ma anche degli oggetti. Mi spiego meglio.

Negli anni ’90 avevamo un modem a cui era attaccato un cavo telefonico. Grazie a questo dispositivo navigavamo in rete. Grazie al Concetto di Internet of Things si è incominciato a pensare come permettere agli oggetti di sfruttare internet per fare qualcosa. Idealmente è come se un oggetto si collegasse ad internet per darci delle informazioni.

Ma non solo. Permettere agli oggetti di avere un’identità. Dargli una definizione. Permettere al frigorifero di dire ad internet “io sono un frigorifero e ho finito il latte”.

Questa identità degli oggetti permette di tracciare una mappa degli altri oggetti intorno. Se sono tutti collegati tra loro la persona può interagire con questa mappa parlando agli oggetti.

iot in azienda 1
l’IOT genera un mercato che ha sua volta ha un valore sempre più elevato

I dati, la cosa più importante

Sentiamo spesso parlare di dati. Oramai qualsiasi cosa fornisce dati. In effetti è così. Solo grazie ai dati che gli oggetti ci forniscono e grazie alla loro mappa, noi possiamo interagire con loro e usarli. Pensate a tutti i sistemi di sicurezza delle abitazioni e delle auto che vengono integrati.

Grazie a quello che loro vedono, noi possiamo comportarci di conseguenza. Ma senza i dati restituiti dagli oggetti tramite internet noi non potremmo comandarli e/o sfruttarli per il nostro benessere.

Avere la possibilità di parlare con la nostra casa grazie alla domotica ci consente di avere una vita più comoda e anche di risparmiare soldi e tempo. Se devo fare al spesa ma non ho guardato cosa c’è nel frigo dovrei tornare a casa per controllare e uscire nuovamente.

Se invece tramite lo smartphone posso sapere il contenuto posso andare diretto al supermercato. Se ho un climatizzatore posso regolarlo quando sono fuori casa per trovare poi la temperatura desiderata al rientro.

Questi esempi molto banali sono solo alcune funzionalità che l’IOT ci consente. Sicuramente avrete sentito parlare di Smarthome, ecco, significa questo. Una casa al cui interno gli oggetti sono connessi tra loro e quindi con noi.

Ma non si parla sono di casa. Si parla anche di auto che grazie ai sensori può ottimizzare il suo funzionamento, la sicurezza e la sostenibilità ambientale. Oppure anche i sistemi produttivi che possono essere resi più efficienti e favorire lo smart working con maggiore benessere per le persone.

Insomma tutto può essere connesso a Internet

iot
Anche l’ambito medico sta beneficiando dell’Internet of Things

Ciò che spero

Spero che questa piccola guida abbia potuto chiarire alcuni concetti. Concetti che come dicevo prima sono davvero fondamentali per rimanere al passo con l’evoluzione che sta accadendo intorno a noi. E che richiede un piccolo sforzo di adattamento. Dobbiamo impegnarci ad accogliere questo mutamento per migliorare la nostra vita sotto tanti punti di vista.

Angelo Tropeano
Sono bravo con le parole ma spesso non ne trovo. Cinico e sarcastico ma non per colpa mia.

PEC, lo strumento per aiutare la digital economy e risparmiare

Previous article

La Mongolia e i due casi di peste bubbonica

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like