0

La crisi da Covid-19 sta mettendo in bilico il presente e il futuro di molte aziende nel mondo. Per far fronte a questa emergenza economica, Instagram sta sperimentando nuovi modi per stare vicino (virtualmente) e sostenere le aziende in difficoltà. Ecco quali.

Instagram sostiene le aziende colpite dalla Pandemia

L’esperienza della Pandemia ci sta insegnando che nulla è dato per scontato: gli affetti, la routine, il lavoro.

Molte aziende nel mondo hanno vissuto e stanno vivendo un momento di stasi dovuto alla chiusura temporanea di alcune attività, alle nuove norme di sicurezza a cui attenersi per la riapertura e alle spese e alle perdite che tutto ciò ne consegue. In Italia sono stati annunciati i fondi per rifinanziare l’economia che ci auguriamo siano stanziati in tempo utile.

In questo clima di sconforto per alcuni e di incertezza per altri, i colossi dei social media si sono rimboccati le maniche per inventare nuovi modi per stimolare la socialità, per connettere le persone e per sostenere le aziende in difficoltà.

I nuovi stickers di Instagram per sostenere le piccole aziende

Tra le varie iniziative promosse dai signori dei Social, c’è quella annunciata qualche giorno fa sul blog di Instagram dal Business Team. L’ultima novità annunciata è l’adesivo Sostieni le piccole aziende.

Ma come funziona?

I singoli utenti possono utilizzare lo sticker menzionando direttamente l’azienda nella propria storia. In questo modo apparirà un’anteprima del profilo che permetterà ai propri follower di avere un’esperienza e conoscenza diretta dell’azienda menzionata.

Inoltre la storia sarà condivisa in maniera tale che in un’unica macro storia ci saranno tutte le storie di sostegno alle aziende. Ma non è tutto. Per l’azienda menzionata sarà inoltre possibile ripostare la storia.

Ma a cosa serve questo sticker?

L’obiettivo dell’iniziativa di Instagram è di aiutare le aziende in difficoltà a trovare nuovi potenziali clienti e a rimanere connessi a quelli che già hanno.

96556245 2674035752880910 6377717501857366016 n
Adesivo “Sostieni le piccole aziende”.
Fonte: instagram.com

Instagram e Coronavirus (nelle puntate precedenti)

L’adesivo di sostegno all’azienda non è l’unica iniziativa messa in campo da Instagram. Anzi! Nelle settimane precedenti il social ha messo a disposizione dei suoi utenti l’adesivo iorestoacasa e lo sticker eroiincorsia. Il primo poteva/può essere utilizzato dagli utenti per incoraggiare i follower a interagire fisicamente il meno possibile tra loro invitandoli appunto a restare a casa, mentre il secondo è stato pensato e creato per il personale sanitario. Anche questi sticker come quello di sostegno alle aziende, permettono alla storia marchiata con l’adesivo di finire in un unico feed in cui si possono sfogliare tutte le storie con lo stesso adesivo. Ma non è tutto.

Già nei primi giorni dall’annuncio della Pandemia, Instagram e Facebook si sono adoperati nel creare e fornire linee guida e vademecum per aiutare gli imprenditori a comunicare la crisi. Inoltre, vista la sempre più crescente moda di promuovere online le fake news, i due social hanno condotto una vera e propria battaglia alle notizie false, impedendo agli account non verificati di pubblicare nel feed e in esplora i post con notizie false. Per rendere più visibile e accessibile le informazioni ufficiali, hanno fatto in modo da promuovere le news e gli aggiornamenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei Governi.

Cos’altro si inventeranno nelle prossime settimane? Quali nuove funzionalità verranno rilasciate dai social? Quali saranno i nuovi modi per restare connessi ma alla giusta distanza di sicurezza? Restiamo a vedere.

Flavia Alvi
Giornalista pubblicista, Copywriter e Social Media Manager. Ho 30 anni, sono laureata in Sociologia e specializzata in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d’Impresa. Mi interessano le persone, i fatti sociali e i rapporti di potere. Amo viaggiare, scrivere, andare a teatro, cucinare, guardare serie tv e bere vino.

14 maggio: l’Overshoot Day per l’Italia del 2020

Previous article

Chernobyl: la zona martoriata tra difficoltà e rinascita

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Social Media