Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Innovazione, la comunicazione del futuro

Comunicazione e innovazione sono due termini che vanno quasi di pari passo. Vediamo come l’innovazione cambierà la comunicazione del futuro.

La comunicazione infatti segue gli esseri viventi in ogni fase della vita. Sin dai tempi antichi, l’essere vivente ha sentito il bisogno mettersi in relazione con gli altri e con tutto il mondo che lo circonda. Gli animali, le piante come gli esseri umani, sono da sempre accomunati dal desiderio e dalla necessità di comunicare con il mondo esterno.

Il linguaggio qualsiasi forma esso sia è lo strumento per mettersi in contatto con l’universo. 

Advertisement. Scroll to continue reading.

In una vita sempre più frenetica e veloce è bene che anche la comunicazione si adegui. In realtà è un adeguamento naturale poiché il linguaggio è essenziale per vivere.

Tra circa trent’anni grazie al progresso, si calcola che internet aumenterà la sua velocità in modo esponenziale. Con molta probabilità saranno le nuove fonti energetiche e i metodi alternativi a regalare vantaggi ad oggi ancora occulti. 

Attualmente gli esclusi dalla rete sono circa i ⅔ della popolazione mondiale, una percentuale che dovrebbe ridursi a partire dal 2050, aprendo nuovi scenari in materia di connettività. L’idea è quella del riconoscimento della connessione funzionale come diritto garantito dell’ONU, per non aggravare le cosiddette “disuguaglianze sociali”. Per non influire sull’inquinamento globale alcuni ingegneri, stanno operando a tecnologie “pulite” a basso impatto ambientale sul sistema globale. Un settore appetibile da molti imprenditori “internettiani” per ovvi motivi economici. 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Colossi e pigmei

Innovazione e comunicazione del futuro, fanno gola a a molti, infatti Google ha già tentato di spiccare il volo, con il progetto Loon, che ha l’obiettivo di portare la rete internet in quei punti della terra privi di connessione. Il modello prevede la creazione di esorbitanti palloni, trasportati dai venti ad oltre 20 km di altezza. 

Facebook che ovviamente ha fiutato il grosso affare, ha pensato di fornire a quei paesi in via di sviluppo, l’accesso ad alcuni siti internet  in modo gratuito, social medesimo incluso. 

In un mondo in cui i colossi fanno invidia a tutti, alcuni piccoli imprenditori non restano a guardare, infatti in Brasile, dove l’accessibilità a internet è ancora solo per metà della popolazione, un ingegnere indigeno ha elaborato un sistema per mettere in contatto anche le zone più sperdute dell’Amazzonia, Conectar.

Advertisement. Scroll to continue reading.

https://www.youtube.com/watch?v=HOndhtfIXSY

Comunicare è comprendere

Per comunicare è necessario comprendere, il cardine in questa fase è il linguaggio. Un giovane ricercatore newyorkese, sta materializzando un’idea un tempo fantascientifica. La possibilità di parlare nella lingua madre tra persone di lingue diverse, senza per forza doverle conoscere. Il progetto incredibile si basa su dei piccoli apparecchi acustici da inserire nelle orecchie che traducono simultaneamente quanto viene detto. Il sistema Pilot, questo il nome dell’aggeggio, potrebbe rimpiazzare il tradizionale traduttore, basterà collegarlo ad un’app tipo Google translate è il gioco è fatto, sbalorditivo no? E’ la comunicazione del futuro.

La tecnologia sta procedendo spedita e la possibilità di rendere reale questo modello è sempre più vicina.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Sistema Pilot,auricolare per la traduzione simultanea delle lingue

Comunicazione tridimensionale

Nel  prossimo trentennio c’è anche chi vorrebbe coronare un sogno davvero futuristico, concretizzando ciò a cui tutti noi abbiamo pensato almeno una volta nella vita, il dono dell’ubiquità, la capacità di essere in più luoghi contemporaneamente. Se vi è scappato un sorriso è normale ma la direzione in cui la tecnologia sta avanzando è questa. Nasce una nuova dimensione virtuale in cui la comunicazione dovrà essere intuitiva e sensoriale per permetterci di vedere, sentire e toccare a distanza. 

Alla Silicon Valley, si sta sperimentando la comunicazione tridimensionale, con la creazione di ologrammi si aspira ad umanizzare il mondo digitale. La speranza è quella di elaborare una applicazione in grado di catturare in modo preciso i volti tridimensionali. La percezione sarà quella di telefonare un nostro caro e avere la sensazione di parlare con un soggetto, con una persona quasi reale. 

Il disegno di altri ricercatori del settore, nel prossimo futuro, potrebbe mettere alla porta il personal computer. Nella fantasia di questi studiosi c’è quella di rendere l’informatica più semplice e naturale. Il nuovo sistema progettato è tridimensionale, una struttura in cui il soggetto interessato è seduto realisticamente di fronte a noi anche se si trova migliaia di chilometri di distanza. Tra qualche anno quindi avremo la concretezza grazie a Skype in 3D di comunicare e vedere “concretamente” il nostro interlocutore tridimensionale. 

Avremo la possibilità di comunicare in tempo reale con avatar e ologrammi, in un mondo sempre più amalgamato tra reale e virtuale. A livello tattile uno studio sta esaminando la possibilità di riprodurre virtualmente anche il tatto, la concretezza di poter distinguere e riconoscere un oggetto, una persona utilizzando il “tatto virtuale” con la prospettiva di ricevere un “abbraccio virtuale”. 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Empatia artificiale

Il futuro dell’intelligenza artificiale, non sarà costituito da semplici robot ma di macchine in grado di stabilire una relazione cordiale con noi esseri umani. Nell’università di Cornell i ricercatori studiano come la comunicazione non verbale fatta di gesti ed atteggiamenti, possa raggiungere  l’umanizzazione delle macchine. Ma se un robot ci dovesse dare la possibilità di sfogarci e dovesse capire i nostri sentimenti, il rischio di non voler più confrontarci con i nostri simili sarebbe un concetto plausibile. 

Avere un mondo iperconnesso che comunichi molto più facilmente è un augurio che ci facciamo tutti ma attenzione a non confondere la realtà con la fantasia. Non permettiamo alla comunicazione di perdere il suo valore primario, quello di connettere le anime delle persone. 

Advertisement. Scroll to continue reading.
Comments

You May Also Like

Ambiente

Il mondo, per diversi motivi, sta cambiando. Ed è anche colpa nostra. Guerre, incendi dolosi, rivoluzioni, disastri climatici, la pandemia…Che cosa possiamo fare? Forse...

Tech

Lo 0.10% dei post su Facebook sono di odio. Tradotto: ogni 10 visualizzazioni su 10.000 sono contenuti di odio. Di vario genere, ma sempre...

Innovazione

In occasione del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne, chiudiamo la nostra settimana con un articolo dedicato ad alcune figure femminili che...

Innovazione

E se vi dicessi che alcune persone spendono milioni di dollari per farsi ibernare? La crionica sembra una nuova frontiera del futuro e le...

Advertisement