Connect with us

Hi, what are you looking for?

Innovazione

Innovazione e lavoro, come cambiano le professioni

Storia di una rivoluzione

Ricorderemo tutti o quasi, la Rivoluzione industriale, quel processo avvenuto tra il 1780 e il 1878 grazie al quale si approda al cambiamento produttivo. Fino a qualche tempo fa se ne distinguevano due. La prima, del settore tessile, metallurgico che ci indirizza verso la messa a punto della macchina a vapore e la seconda relativa all’avvento dell’elettricità e prodotti chimici utili nelle fabbriche.

A metà 900 con l’ascesa di nuove tecnologie come microprocessori e personal computer che hanno rivoluzionato il settore terziario, si è dato il benvenuto alla Terza Rivoluzione Industriale, offrendo una nuova opportunità al mondo del lavoro terziario e la possibilità di agevolare diversi settori, nel mondo della contabilità per esempio, della scrittura o quello medico; con tanti sistemi creati apposta per facilitare determinate mansioni e avere risultati più precisi.

Quarta rivoluzione industriale, smart industry

Nel 2019 e già da qualche anno, si è aperta una nuova strada in campo rivoluzionario, con la nascita della Quarta rivoluzione industriale o Smart Industry. L’evoluzione di imprese e centri di ricerca dirette alla crescita della competitività dell’ industria manifatturiera attraverso sistemi cyber-fisici. Questo nuovo cambiamento dovuto alle nuove tecnologie, ha indotto molti tra addetti ai lavori e non, a comprendere quale possa essere il futuro del lavoro e quali i lavori venturi a cui  dobbiamo prepararci ma soprattutto a cui dovranno apprestarsi le generazioni avvenire.

Advertisement. Scroll to continue reading.

In realtà dalla fotografia che viene effettuata, la tendenza è quella di pensare che ci saranno sempre più macchine e sempre meno persone. Questa idea potrebbe essere valida ma avete mai pensato a chi dovrà gestire questi sistemi? Si, vivremo in un mondo sempre più automatizzato ma questo non può voler dire per forza, annientare l’essere umano. Cambia il modo di concepire la struttura lavorativa ma non i processi, pertanto le macchine si occuperanno di lavori automatizzati e noi esseri umani, ci impegneremo in lavori più creativi.

Il produttore industriale Kiva, basò una sua offerta su macchine che avrebbero indotto gli imprenditori a ridurre il costo del capitale umano. In dato di fatto avrebbero riscontrato che il funzionamento corretto e preciso di questi sistemi richiede più personale fisico, realtà toccata con mano nei magazzini Amazon.

Futuro e nuove figure professionali

Il futuro non per forza dobbiamo vederlo con ansie verso il mondo del lavoro, piuttosto, come abbiamo visto in articoli precedenti, sempre con una migliore cooperazione tra ingegni e umani.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Le nuove figure professionali potrebbero essere i cosiddetti Manager dell’etica digitale, esperto di big data nonché ingegnere 4.0, esperto nella robotica collaborativa. Stando alle stime dal 2030 ci sarà il boom di queste nuove mansioni lavorative, pertanto quando scegliete la vostra formazione, fate attenzione a vagliare accuratamente i vostri studi.

Il gioco che propone la quarta rivoluzione industriale mette in crisi un pò tutto il genere umano, normalissimo, poiché si tratta di affrontare un nuovo cambiamento, in materia di lavoro un argomento che soprattutto in Italia, mette sempre tutti sull’attenti, visti gli alti numeri registrati in materia di disoccupazione, nonostante i governi girino e rimpastino spesso la minestra. In questa nuova era la parola d’ordine è competitività e velocità, se riuscissimo a mantenere questi due sostantivi come punti focali nel nostro presente, allora il futuro non può spaventarci.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Comments

You May Also Like

Innovazione

E se vi dicessi che alcune persone spendono milioni di dollari per farsi ibernare? La crionica sembra una nuova frontiera del futuro e le...

Economia

Come al solito le lavoratrici sono sempre le prime a essere penalizzate. Che sia perché sono mamme, o semplicemente perché hanno la “colpa” di...

Economia

Lavoratori unitevi! Questa era l’essenza dello slogan del Manifesto del Partito Comunista. Incitava i membri della classe operaia di tutto il mondo a combattere il capitalismo per vincere...

Economia

Il lavoro è sicuramente uno dei nodi cardini da sciogliere in Italia. La pandemia ha accelerato un processo di precarietà che si era già...

Advertisement