Connect with us

Hi, what are you looking for?

Salute

Il voodoo e il rituale della zombificazione

Il voodoo è una vera e propria religione e non include solo rituali di magia nera. Oggi però tratteremo un aspetto molto famoso di questa religione. Ecco quindi che il giorno prima di Halloween voglio parlarvi di un tema che si sposa perfettamente con questa festa: la zombificazione.

Il voodoo

Il voodoo è un vera e propria religione di origine africana e afroamericana. Essa include diverse pratiche, tra le più famose quella della bambola con gli spilli, ma essendo una religione tutti gli effetti, le sue pratiche non includono solo magia nera. Ad Haiti è diffuso il fenomeno della zombificazione che permette di rendere inermi e incoscienti le persone. Le autorità non riescono ad arginare il fenomeno e si stima che ogni anno siano 1000 i casi di zombificazione che avvengono sull’isola.

Zombificazione: come si ottiene?

La zombificazione è una pratica dell’isola di Haiti. Le vittime del rituale sono persone che hanno compiuto dei crimini. Da rospi e pesci palla vengono estratte sostanze velenose come la bufotenina, la tetradotoxina e la tetrodotossina, solitamente somministrate impregnando i vestiti del malcapitato. Il condannato, incosciente, viene seppellito e nel giro di 24 h il sacerdote bokor lo “resuscita”. Alla vittima vengono somministrate l’atropina e altre sostanze per rendere la persona docile e incapace di fuggire e così viene venduta.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Il fascino degli zombie

Di zombie, cinema e televisione ne parlano da anni ormai. Nonostante tutto, essi continuano ad affascinarci e a incutere terrore. Sono moltissime le speculazioni che vengono fatte circa una possibile epidemia zombie, come quella che vedrebbe responsabile il virus della rabbia modificato. Da “La notte dei morti viventi” e “L’alba dei morti viventi” di George A. Romero a “Thriller” di Michael Jackson, gli zombie continuano a seguirci nell’immaginario collettivo.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Advertisement