1
https://open.spotify.com/episode/4nmrJa17eskYuRkz5MYPyT?si=kLs9wy85T4upMheX01w4bA

Una grande vittoria per i rider. E una grande vittoria per i diritti dei lavoratori in generale. Oggi non parlerò di economia come magari faccio di solito. Ma questo argomento c’entra parecchio con la nostra economia.

I rider SONO lavoratori

Da tempo i rider, ovvero coloro che portano a casa nostra il cibo ordinato tramite app, sono al centro di dibattiti e proteste per via delle loro condizioni lavorative.

Per noi è semplice: apri una app, scegli quello che vuoi mangiare, e dopo un po’ arriva una persona alla tua porta con il cibo che hai ordinato. Ma tra il tap sullo smartphone e il passaggio del cibo nelle nostre case c’è un mondo fatto di sfruttamento, pericoli e ingiustizie.

Fare finta di nulla è ingiusto. Ingiusto nei confronti di queste persone che vengono sfruttate da dei colossi. Come se non bastasse già lo sfruttamento, aggirano le regole fiscali per non pagare le tasse sui “dipendenti” e sull’attività con un danno all’erario.

Una luce in fondo al tunnel

Ma le cose stanno cambiando. Almeno per la società di delivery Just Eat. Dal 2021 infatti i rider che lavoreranno per questa piattaforma avranno un contratto di lavoro dipendente con paga oraria e le tutele assicurative di un normale rapporto di lavoro subordinato.

Una grande vittoria per dei lavoratori che normalmente erano pagati circa 2€ a consegna e costretti a sfrecciare nel traffico per rispettare i tempi. A loro rischio e pericolo.

Scoober è il modello di delivery già utilizzato in alcuni dei paesi del gruppo e in linea con le regole del lavoro subordinato europeo. Questo modello inquadra i rider come lavoratori dipendenti. Consente loro di avere vantaggi e tutele e una flessibilità che permette a chi studia o fa altri lavori di poter operare.

In questo podcast parleremo dello sfruttamento dei lavoratori e del perché è una piaga per la nostra economia.

Angelo Tropeano
Sono bravo con le parole ma spesso non ne trovo. Cinico e sarcastico ma non per colpa mia.

Lucy, la prima scuola italiana di intelligenza artificiale

Previous article

Glauco Benigni, Una nuova dimensione chiamata Internet

Next article

1 Comment

  1. […] e ragazze che lavorano per una delle piattaforme di delivery più famose. Questa vittoria è l’ennesima tacca sulla tavola dei diritti di questa nuova categoria di lavoratori che sempre più spesso è soggetta a sfruttamento e a […]

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Economia