0
https://open.spotify.com/episode/4HDqL41n9MYKxhlW8ycgo2?si=PDWNkXo-TCm1tlBD2KTFgA

Dopo le figure di Nazca, ecco un altro mistero curioso: quello dei Moai dell’isola di Pasqua. Dopo le figure di Nazca, ecco un altro mistero curioso: quello dei Moai dell’isola di Pasqua. Perché sono stati costruiti? Quale era il loro vero scopo e a chi erano dedicati?

Che cosa sono i Moai?

I Moai sono statue per la maggior parte monolitiche originarie dell’isola di Pasqua, situata nell’Oceano Pacifico. I Moai hanno grandezza compresa tra i 2,5 e i 10 metri e una incompleta arriva a misurare 21 metri. Le statue indossano quello che è stato riconosciuto con un berretto oppure come una capigliatura tipica dei maschi della popolazione originaria del luogo. Molte delle statue presentano anche spalle, torso e braccia. Ai lati presentano incisioni riconducibili a realizzatori o proprietari.

La realizzazione

Le statue sono state ricavate dal materiale alle pendici del vulcano dell’isola. Sono stati ritrovati anche diversi utensili utilizzati. L’isola è stata completamente disboscata poiché il legno serviva per il trasporto e il posizionamento delle statue, tutte rivolte verso il mare.

La distruzione

Molte statue sono state distrutte, ribaltare e trascurate. La causa è probabilmente da attribuire a un cambio di potere o a una guerra civile, ma come mai voler cancellare in brevissimo tempo opere che sono costate tempo e sforzi e che hanno addirittura portato al totale disboscamento e all’impossibilità di continuare ad abitare l’isola?

…Ma perché?

Perché impiegare tante energie, tempo e risorse per la realizzazione di queste immense strutture? Come detto anche in precedenza, la religione è una motivazione più che valida per la costruzione di grandi opere. Come per le figure di Nazca, Pero, il mistero dei Moai dell’isola di Pasqua rimane e affascina.

Monica Giulia Cantù
Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

AWorld, per una vita sostenibile a portata di click

Previous article

Donne rivoluzionarie che hanno segnato la storia

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Scienza