0
https://open.spotify.com/episode/74q738zOWCnLxAm6qxZDi4?si=Fy6fDIN9RsO0PZDB6XPeJA

Tutto è partito da una conversazione tra me e Cristiano, il mio editore. Stavamo come sempre chiacchierando/fantasticando su alcuni argomenti che ci piacerebbe trattare in questo blog e nei podcast. Pochi giorni prima infatti entrambi avevamo visto un video di Glauco Benigni dove parlava di Internet. Ovviamente ne abbiamo parlato e mi è uscito quasi spontaneo dirgli:

“E se provassi a contattarlo per intervistarlo?”

Una frase detta un po’ così, senza crederci molto. Ma non perché io o Cristiano non volessimo farlo, ma perché abbiamo stupidamente pensato che un personaggio come lui non avrebbe preso in considerazione di dare seguito ad una richiesta del genere, fatta da un portale nato da poco come il nostro.

provarci, sempre

Mi sono detto però: mandare una mail non mi costa nulla. E così feci. Scrissi una mail a Glauco Benigni spiegandogli chi siamo, cosa facciamo e che avremmo voluto fargli un’intervista. Cliccai su INVIA.

La sensazione che mi ha accompagnato mentre scrivevo quella mail, e che dissi anche a Cristiano, fu come quella di scrivere a Babbo Natale. Ci credi mentre la scrivi ma sai che non ti risponderà perché non esiste.

Glauco Benigni esiste ci mancherebbe, ma eravamo anche consapevoli dei suoi molteplici impegni.

Vabbè, ci ho provato, pensai. Non potrò rimpiangere di non averci almeno provato.

La telefonata

Chiusi il notebook e andai a tavola per la cena. Mentre ascoltavo il TG, mi squillò il telefono. Comparve un numero di cellulare che non conoscevo.

Pensai subito ad un call center che mi chiamava per qualche offerta commerciale. È un lavoro che ho fatto anche io e quindi rispondo sempre.

– “Pronto? ”

– “Sign.Tropeano è Glauco”

Avete presente quando non capite cosa sta succedendo, vi si intasa il cervello e le parole che avete imparato in una vita fuggono via? ecco la sensazione fu quella. Glauco Benigni a circa 1 ora di distanza dalla mia mail mi aveva contattato.

Forse alcuni di voi penseranno che sto esagerando. In realtà non è così perché io sono molto strano. Tutti hanno come idoli calciatori e cantanti, io invece degli scienziati, scrittori e giornalisti.

Ve l’ho detto, sono stano.

Fu una telefonata bellissima. Fu molto disponibile, chiacchierammo dell’intervista, dei possibili argomenti (registrai anche un saluto per Cristiano in quanto so che anche lui è un suo fan) e ci demmo appuntamento al giorno successivo per realizzare questa intervista.

L’intervista a Glauco Benigni

L’intervista fu molto piacevole e illuminante. Parlammo dei suoi libri (che vi consiglio di leggere assolutamente, li trovate tutti qui) ma soprattutto parlammo del suo nuovo libro in uscita, “lettera ai nativi digitali”, il quinto volume della serie Web Nostrum.

Ma non voglio anticiparvi nulla. Ascoltate il podcast e guardate l’intervista sul nostro canale You Tube.

Per concludere, vorrei ringraziare di cuore il Dott. Glauco Benigni per la sua enorme disponibilità e anche per il fantastico progetto che ci sta permettendo di realizzare.

No, non vi dico qual è. Vi toccherà seguirci.

Angelo Tropeano
Sono bravo con le parole ma spesso non ne trovo. Cinico e sarcastico ma non per colpa mia.

I rider saranno finalmente considerati lavoratori

Previous article

Utero in affitto: quando la genitorialità diventa egoismo

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Interviste