Connect with us

Hi, what are you looking for?

Scienza

Francia: l’esame che attesta la verginità di una donna

In Francia è possibile richiedere un test che provi o meno la verginità di una donna. In realtà il test è legale anche in altri paesi europei e non solo. Alla base della decisione di Emmanuel Macron di promulgare una legge che lo vieti c’è l’estremismo islamico. Analizziamo insieme differenze culturali e ideologiche che caratterizzano Oriente e Occidente.

Il test Francese della verginità

Durante la 150 ricorrenza della Repubblica, il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che entro la fine dell’anno verrà promulgata una legge che impedisca di rilasciare i test sulla verginità della donna. Alla base della decisione c’è il fondamentalismo islamico.

Il test è visto come una forma di umiliazione e come una dimostrazione ad una data comunità di essere “pure”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La donna nel Cristianesimo e in occidente

Eva, la Prima Donna, è stata creata per fare compagnia ad Adamo. Era la donna ad essere considerata una creatura demoniaca, o una delle tentazioni del diavolo. Era una donna sposata che doveva dimostrare di essere arrivata vergine al matrimonio esponendo le lenzuola macchiate di sangue.

Le contraddizioni dell’esame della verginità

L’esame in questione dovrebbe constatare se una donna ha subito o meno una violenza sessuale. L’esame viene spesso effettuato manualmente, verificando che l’imene sia intatto.In realtà esistono esami molto più specifici per evidenziare se una donna ha subito o meno una violenza anche perché una donna non vergine potrebbe comunque essere stata violentata.

In alcuni paesi al test sono sottoposte donne arrestate per essere intimidite.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Il problema dell’Islam in occidente

Il problema culturale dell’Islam è, come anticipato dalla grande giornalista Oriana Fallaci, molto presente in occidente. Bisogna essere pronti a difendere la libertà che siamo riusciti a conquistare in questi secoli di lotta.

E’ stata proprio la Francia la culla dell’Illuminismo, evento che ha segnato definitivamente la spaccatura tra Oriente e Occidente e proprio in Francia oggi si assiste a fenomeni di falso bigottismo, come quello che ha visto protagonista una donna in visita al Muse d’Orsay, fermata perché indossava una maglia scollata.

Uno dei motivi per cui la Turchia non è ammessa in Europa è dato proprio dalla considerazione che la nazione ha della donna.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Il problema è che l’Europa si è dichiarata laica e non cristiana e questo errore potrebbe avere ripercussioni non indifferenti sulla nostra libertà personale, soprattutto della donna.

Le restrizioni e gli abusi sulla donna oggi

La discriminazione della donna esiste da sempre e forse ci sarà sempre un po’, ma la nostra lotta non si fermerà.

In Africa Subsahariana le donne vengono infibulate per impedire di avere rapporti prima del matrimonio e affinché il primo rapporto sessuale sia doloroso.

Advertisement. Scroll to continue reading.

In alcuni paesi la donna è ancora considerata impura quando ha il ciclo.

In Giappone i piedi delle ragazze venivano rotti e piegati su se stessi perché la postura era più elegante. Oggi i vagoni della metropolitana in Giappone sono divisi perché gli uomini palpeggiano le donne.

In Cina si tengono delle fiere in cui la famiglia espone foto delle figlie aspettando che un pretendente si offra di sposarla.

Advertisement. Scroll to continue reading.

In Montana, America, è stato vietato alle donne di indossare i leggins perché troppo aderenti.

Insomma, di esempi di restrizioni nei nostri confronti ci sono, in tutto il mondo.

Noi siamo protagoniste del nostro cambiamento, questa è “casa nostra”, non lasciamo che secoli di lotte vadano persi. Difendiamo i nostri diritti di donne libere.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

Comments

You May Also Like

Advertisement