Connect with us

Hi, what are you looking for?

Protagonisti

Elon Musk: vita, successi e fallimenti di un imprenditore avveniristico

Elon Musk è ormai diventato un imprenditore ed inventore di successo. Ma la sua strada è stata piena di ostacoli già dalla sua infanzia. Ha dovuto affrontare diverse sfide per arrivare al punto dove si trova adesso. E, nonostante il patrimonio accumulato, sembra essere sempre pronto a rimettersi in gioco grazie a qualche nuova avventura.

Ma partiamo, come di consueto, dall’inizio. Elon Musk nasce il 28 giugno del 1971. Ha origini sudafricane, ma ha anche una cittadinanza canadese ed è stato naturalizzato statunitense. Un vero cittadino del mondo, verrebbe da dire. Ma la sua infanzia non è stata piacevole, in diverse occasioni ha infatti svelato che, durante quel periodo della sua vita, era spesso preso di mira dai bulli.

Stando alle sue parole, una volta è stato picchiato così tanto da perdere conoscenza. Nonostante quest’ombra, è sempre durante l’infanzia che Elon Musk fa il suo primo affare degno di nota, almeno per un bambino. All’età di 10 anni si appassiona al Commodore VIC-20, iniziando a fare le prime esperienze da programmatore.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Fu così che già alla tenera età di 12 anni partorisce un videogioco scritto in BASIC chiamato Blastar. Ma non si limita alla creazione di questo prodotto, perché riesce anche a venderlo ad una rivista chiamata PC and Office Technology al prezzo di circa 500 dollari. Un vero affare, vista la giovanissima età, inoltre esiste ancora oggi una versione per browser web di questo gioco.

Un’immagine del videogioco Blastar.

Dopo la separazione dei suoi genitori, decise di restare in Sud Africa con il padre. Scelta che a quanto pare ha rimpianto non poco. In un’intervista ha addirittura dichiarato di aver tagliato i ponti con lui. A proposito della famiglia, Elon Musk ha anche un fratello, chiamato Kimbal ed una sorella di nome Tosca.

Già da ragazzo sognava l’america, ma fu grazie alla madre, canadese, che riuscì a realizzare questo sogno. Sapeva che sarebbe stato più facile raggiungere gli Stati Uniti dal Canada. Per questo motivo raggiunse la genitrice nel 1989, ottenendo la cittadinanza canadese. Successivamente iniziò la sua carriera universitaria.

A 19 anni Elon Musk viene accettato alla Queen’s University, 2 anni dopo si trasferisce all’università della Pennsylvania. A 25 anni invece si trasferisce in California e inizia a studiare presso la Stanford University. Un matrimonio molto breve, infatti nel giro di due giorni abbandona gli studi per seguire i suoi sogni nel campo dell’imprenditoria.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Il logo di PayPal.

Ma la carriera imprenditoriale di Elon Musk ha iniziò già dal 1995 fondando, insieme a suo fratello, Zip2. Si tratta di un software web per sviluppare e successivamente vendere guide cittadine online dedicate ai giornali. I due riuscirono a stipulare dei contratti con il The New York Times e il Chicago Tribune. Musk desiderava diventare il CEO di questa società, peccato che nessuno dei membri del consiglio era d’accordo.

Alla fine, Zip2 venne acquisita dalla Compaq, permettendo ad Elon Musk di mettersi in tasca 22 milioni di dollari. Questo fu però solo un piccolo passo. Perché solo alcuni anni dopo il suo nome iniziò a diventare famoso. Più precisamente, fu nel 1999 che decise di investire il denaro guadagnato da questa vendita in un nuovo progetto.

Stiamo parlando di X.com, una compagnia di servizi finanziari online e di pagamento tramite email. Se questo nome non vi dice nulla, non vi preoccupate. Perché solo un anno dopo, tramite la fusione con Confinity, che questo servizio cambiò nome e divenne noto come PayPal. Nel 2002 la società viene venduta ad eBay per 1,5 miliardi di dollari, Elon Musk diventa così uno degli imprenditori più famosi al mondo.

Un bottino che l’imprenditore decide di investire su altri tre società, SpaceX, Tesla e SolarCity. Progetti che andranno ad aumentare ancora di più la sua fama. Ma si tratta di un processo che impiegherà del tempo per realizzarsi. Infatti gli anni successivi non sono proprio i migliori per Elon Musk. Nel 2008 inizia una crisi proprio a causa di due di queste tre compagnie.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Una Tesla.

Stiamo parlando di Tesla e SpaceX. Forse progetti un po’ troppo futuristici per il tempo. In ogni caso, inizialmente Elon Musk è costretto ad affrontare molte difficoltà. È costretto a rinviare diverse volte l’uscita della sua macchina elettrica. Successivamente, le vendite non sembrano essere soddisfacenti.

Anche SpaceX non è in grado di regalare soddisfazioni ad Elon Musk. I vari lanci si rivelano dei fallimenti, allontanando i potenziali investitori. Si tratta di un periodo buio per l’imprenditore. In un’occasione dichiarerà infatti che il 2018 è stato “il peggior anno della mia vita”. Non solo perde molti soldi, ma riesce a restare a galla grazie ai prestiti di alcuni amici.

Nonostante ciò, alla fine la sua visione si rivela quella giusta. Con il passare dei mesi, arrivano le prime soddisfazioni. Non solo le Tesla iniziano a vendere, ma anche i progetti di SpaceX migliorano. Proprio verso la fine del 2018, precisamente nel mese di ottobre, viene ripreso il primo atterraggio completo e senza danni del razzo Falcon 9.

Dopo questa piccola parentesi buia, Elon Musk continua ad investire in progetti avveniristici. Tra i più noti citiamo Hyperloop, un sistema di trasporto ad alta velocità. C’è poi OpenAI, società dedicata alla ricerca sull’intelligenza artificiale. A tal proposito non possiamo fare a meno di parlare anche di Neuralink. Progetto che ha lo scopo di collegare il cervello umano con un’intelligenza artificiale tramite delle interfacce neurali.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Insomma, Elon Musk ha sempre uno sguardo verso il futuro. Nonostante ciò, in diverse occasioni ha dichiarato il segreto del suo successo. I suoi progetti funzionano perché sono radicati nel presente. L’imprenditore sa bene quello che è possibile fare oggi e cerca di realizzarlo. Ma le sue idee ben presto potrebbero addirittura abbandonare il pianeta Terra.

Da tempo ha infatti intenzione di dare vita ad una colonia umana su Marte. Progetto che, almeno per ora, sembra difficilmente realizzabile. Ma stiamo parlando di Elon Musk, quindi non si può mai dire mai.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Written By

Comments

You May Also Like

Tech

Lo 0.10% dei post su Facebook sono di odio. Tradotto: ogni 10 visualizzazioni su 10.000 sono contenuti di odio. Di vario genere, ma sempre...

Tech

Si chiama Generosity Network ed è la nuova piattaforma lanciata da PayPal per il crowfounding. O per dirla in italiano, per la raccolta fondi....

Tech

Alcuni di voi ricorderanno Lucy, l’australopithecus rinvenuto in Etiopia che mostrava la conformazione ossea di una donna a metà tra la scimmia e un...

Tech

Ci risiamo. Il Deep Nude è tornato a far parlare di se. Sembra ieri che eliminavano tutte quelle app che consentivano di denudare le...

Advertisement