0
https://open.spotify.com/episode/36pFiPQSZa6EcKGI6hTU2W?si=lssMeTpxTUS8W-QU-gTFoA

In occasione del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne, chiudiamo la nostra settimana con un articolo dedicato ad alcune figure femminili che hanno rivoluzionato la storia.

Elena Sofia Ricci e il film su Rita Levi-Montalcini

Proprio ieri è andato in onda su Rai1 il film omaggio a Rita Levi-Montalcini interpretata da Elena Sofia Ricci. La scienziata vinse il premio Nobel per la medicina nel 1986 grazie ad una scoperta avvenuta nei anni ’50: il fattore di accrescimento della fibra nervosa.

Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1979 per la sua dedizione ai poveri e ai malati. La donna dedicò la vita all’assistenza dei malati di lebbra e dei poveri in India.

Marie Curie

Scienziata, vinse un Nobel per la fisica nel 1903 insieme al marito e ad un altro scienziato per gli studi sulle radiazioni e un altro premio Nobel per la fisica nel 1911 per aver scoperto il radio e il plutonio.

Heidi Lamarr, attrice e ingegnera

Heidi Lamarr, oltre ad essere stata giudicate a suo tempo la donna più bella del mondo e aver recitato a Hollywood al fianco di Clarke Gable e Spencer Tracy, era una ingegnera delle comunicazioni e inventò e brevettò il sistema di teleguida per i missili.

Altre donne importanti

Sono molte le donne che hanno segnato la storia in diversi ambiti:

  • Maria Donovan inventò i pannolini
  • Josephine Cochrane inventò la lavastoviglie
  • Caresse Crosby inventò il reggiseno come alternativa agli scomodi corsetti
  • Mary Quant ideò la minigonna, simbolo di una potente rivoluzione culturale
  • Tabitha Babbitt inventò la sega circolare
  • Mary Anderson ideò i tergicristalli,
  • Ruth Handler inventò la bambola più famosa: la Barbie
  • Lizzie Magie inventò il famoso gioco da tavolo del Monopoly
  • Luisa Spagnoli diede vita ai Baci Perugina
  • Bette Nesmith Grahamil inventò il bianchetto

E poi ancora Margherita Hack, Rosalind Elsie Franklin, Coco Chanel, Amelia Mary Earhart

Tutto l’anno è il 25 novembre

Il rispetto verso le donne non dovrebbe trovare solidarietà solo il 25 novembre. Bisognerebbe, inoltre, porre le basi per una nuova società insegnando alle bambine ad essere indipendenti e ai bambini a rispettare la figura femminile.

Monica Giulia Cantù
Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

I Moai dell’isola di Pasqua

Previous article

L’odio su Facebook viene bloccato dall’IA

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Innovazione