0

Il mondo delle IA dà oggi il benvenuto ad un nuovo progetto. Chiamato Do Not Sign, si tratta di un sistema che analizza ed aiuta le persone a comprendere meglio i vari accordi di licenza. Stando al funzionamento, il servizio, che fa parte della famiglia del programma DoNotPay, sottolinea alcuni passaggi del documento e li “traduce” in un linguaggio più comprensibile. Vi può quindi tornare molto utile se avete difficoltà a leggere un accordo.

Non è tutto gratis ciò che luccica

L’unico neo è che il servizio non è gratuito. Nonostante ciò, bisogna anche sottolineare che basta pagare un abbonamento di soli 3 dollari al mese. Fatto ciò, per sfruttare l’IA vi basterà scannerizzare, caricare il file o copiare ed incollare l’URL dell’accordo di licenza nel programma. Ovviamente anche i creatori di Do Not Sign ribadiscono che questo sistema non è in grado di sostituire un vero avvocato.

Ma l’obiettivo dell’IA non è questo, vuole semplicemente essere uno strumento che rende  più comprensibili alcuni documenti. E, nell’era di internet, ci sono molti che danno il loro assenso ad accordi che nemmeno leggono. Mentre in altri casi, acconsentire alle richieste di un accordo è l’unico modo per poter utilizzare determinati servizi e addirittura alcuni dispositivi.

Do Not Sign IA 1

Un’IA per la tutela dei diritti

Ma Do Not Sign ha anche un altro scopo. Aiutare gli utenti ed i consumatori a sfruttare tutti i diritti che gli sono garantiti dai vari accordi. A quanto pare l’IA identifica ben 200 termini chiave che spesso sono presenti in questi documenti. Usa poi il machine learning per trovare tutte le parole legate. Stando agli sviluppatori, raramente il programma sbaglia, ma in rari casi potrebbe non analizzare a dovere alcune parti dell’accordo.

I creatori di Do Not Sign hanno anche un altro scopo. Si tratta più di una speranza per il futuro. Ovvero che, grazie all’uso di questa IA, le società decidano di cambiare i loro contratti. Sarà un’impresa ardua, anche perché gli stessi sviluppatori hanno ammesso che il funzionamento del sistema non è infallibile. A quanto pare a volte potrebbe addirittura non comprendere bene i termini di un accordo.

Insomma, come molte altre IA, Do Not Sign può risultare utile, ma non è ancora in grado di sostituire un avvocato in carne ed ossa. Inoltre, bisogna sottolineare che, almeno per ora, il servizio è disponibile soltanto negli Stati Uniti. I creatori hanno aggiunto che sperano di lanciare il programma anche nel Regno Unito durante il mese di dicembre. Ma si tratta di una previsione che potrebbe non diventare realtà.

Oltre al sito internet dedicato, esiste anche un’app per dispositivi iOS di Do Not Sign IA. Con il lancio del servizio è probabile che tale programma migliorerà con il tempo. Chissà se prima o poi arriverà anche in Europa. Purtroppo gli sviluppatori non hanno ribadito nulla per quanto riguarda questa possibilità. Ma è probabile che, viste le differenze tra leggi USA ed europee, dovrebbero modificare non poco la loro intelligenza artificiale. Ma sarebbe molto utile poter sfruttare questa possibilità anche nel Vecchio Continente.

Francesco Giordano

Huawei: ban negli Stati Uniti rinviato a febbraio del 2020?

Previous article

Qual è la reale forma dell’universo? Ecco le teorie

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like