0

https://open.spotify.com/episode/6hDREWz9ziIdVgqu8YEykF?si=t14yA_okS2yhJX5eeSL5Iw

-27% in 2 giorni. Sembrava che il valore dei Bitcoin fosse inarrestabile e invece è inciampato. Solo tre giorni fa il Bitcoin ha toccato il record di 42.000 dollari e in poco più di 48 ore ha visto il proprio valore crollare fino a 30.500 dollari.

Sicuramente allarmante per chi ha sta investendo in questa risorsa economica. Un crollo del genere in un arco così breve di tempo farebbe rizzare i peli a chiunque.

E inoltre, per allentare la tensione, la Financial Conduct Authority, ovvero la Consob inglese, ha messo il carico da 90. Infatti proprio nel giorno in cui diventa obbligatoria la registrazione per gli operatori in criptovalute, cosa giustissima a mio avviso, ha messo in guardia i cripto-risparmiatori che, testuali parole «devono essere preparati a perdere tutto».

Ha inoltre messo in guardia gli investitori su promesse di rendimenti elevati promessi dagli operatori. Insomma sta dicendo “ragazzi, qua niente è sicuro e state attenti che c’è rischio che vi fregano”.

Una sintesi un po’ semplice ma efficace.

Il Bitcoin crolla ma la fiducia rimane alta

Già, perché se da una parte c’è un fronte allarmista sulla possibilità di rendimento delle criptovalute in genere, esiste anche un fronte che continua a vedere questa moneta virtuale come un investimento destinato a rimane alto nel tempo.

Sicuramente ad oggi è un investimento che porta un margine di guadagno superiore a tanti altri investimenti proposti dalle banche. Ma è anche normale che si tratta di un sistema nuovo, soggetto ancora a tante oscillazioni e adornato di pessimismo dai classici investitori.

Come sempre avviene, c’è paura verso l’ignoto e anche le criptovalute stanno godendo di questo trattamento. Sicuramente non è un investimento per tutti. Bisogna avere coraggio e non farsi intimorire dai primi sbandamenti.

In questo podcast parleremo delle criptovlaute come mezzo che sempre di più diventerà oggetto di discussione tra i poteri economici.

Angelo Tropeano
Sono bravo con le parole ma spesso non ne trovo. Cinico e sarcastico ma non per colpa mia.

Alessandro Armillotta, curare il pianeta con la app Aworld

Previous article

Travel pass, il passaporto sanitario Digitale per volare

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Economia